Serve aiuto?

Servizio Mobilità e Trasporti

Rilievo flussi veicolari 2016

Il presente lavoro ha come oggetto la valutazione degli impatti derivanti dall'attuazione dei progetti di sviluppo strategico della mobilità nel centro cittadino e aggiornamento delle banche dati di traffico del Comune di Bergamo. Nel presente documento sono riportati i risultati delle indagini su strada nell’ambito delle quali sono state effettuati: conteggi veicolari classificati, indagini cordonali ed il rilievo dell’offerta e della domanda di sosta. Le indagini effettuate hanno avuto il duplice scopo di effettuare delle nuove rilevazioni per effettuare una fotografia dello stato attuale e quello di valutare l’evoluzione storica delle componenti della mobilità indagate. Proprio l’esigenza di effettuare delle valutazioni delle serie storiche è stata la base per la determinazione della localizzazione di base delle varie indagini, che come descritto nei capitoli seguenti, in alcuni casi sono state integrate al fine di ottenere informazioni puntuali necessarie per la valutazione dei progetti di mobilità previsti dal Comune.

Car sharing

Il Car-sharing (dall'inglese auto condivisa) è un servizio innovativo, nel campo della mobilità sostenibile, alternativo al mezzo privato ed integrato con il servizio di trasporto pubblico, che permette di utilizzare un'auto su prenotazione, prelevandola e riportandola in un parcheggio stabilito, pagando poi in ragione dell'utilizzo fatto.

Le vetture del servizio di Car-Sharing sono messe a disposizione di più utenti, quindi con la possibilità di essere usate sia singolarmente sia da più persone, in momenti diversi della giornata ed in più luoghi della città e del territorio regionale, in modo tale che con lo sviluppo del servizio a scala territoriale, il sistema tende a diventare una rete diffusa. Ciò consente all'utente, una volta abbonato, di prendere una vettura in una città e lasciarla indifferentemente in un'altra dove è già presente il servizio.

Il servizio permette di pagare solo l'uso effettivo della vettura, senza costi fissi di manutenzione, tasse, assicurazione e con la garanzia di un'assistenza continua. Inoltre il parco mezzi è costituito da veicoli elettrici o comunque a basso impatto ambientale.

Il Comune di Bergamo ha quindi aderito alla rete regionale ed al progetto E-vai con 3 postazioni cittadine. Il progetto di Car-Sharing lombardo è stato curato e sviluppato dalla società SEMS e da Trenord, società del Gruppo FNM, partecipate da Regione Lombardia, in primis in un'ottica di integrazione con il sistema ferroviario e quindi con il sistema degli aeroporti lombardi.

 

Entra per avere più informazioni sul servizio di Car-Sharing

Piazza Dante

via tratto in vigore dalle alle
piazza Dante area pedonalizzata tutti i giorni 00:00 24:00
Visualizza mappa

Parcheggi e sosta

In questa sezione é consultabile l'offerta cittadina dei parcheggi ed il censimento, con relativa georeferenziazione, degli stalli di sosta in superficie, su aree del demanio pubblico, e dei parcheggi in struttura ad uso pubblico, con indicata la capienza e la disponibilità di posti auto per ciascuna autorimessa.

Nella mappa gli stalli a parcheggio in superficie sono diversificati, a seconda del colore, in funzione della loro tipologia: parcheggi auto a sosta libera e parcheggi motocicli e biciclette (color azzurro), parcheggi a pagamento (color blu), parcheggi per residenti (color arancione - utilizzabili soltanto dai residenti muniti di regolare permesso alla sosta), parcheggi riservati (color giallo) destinati ai disabili o a particolari categorie/utilizzi (Polizia, Tribunale, Prefettura, taxi, carico e scarico, car-sharing, ecc.).

La mappa é interrogabile, lanciando l'interrogazione  sul singolo stallo, ed il sistema fornisce l'informazione sulla specifica tipologia di area sosta.

Il censimento viene tenuto aggiornato in modo dinamico dall'Amministrazione comunale, in relazione ai provvedimenti ed alle ordinanze emanate nel tempo per la regolazione del traffico e della sosta cittadina. Il rilievo georeferenziato permette inoltre di monitorare in modo costante nel tempo l'offerta articolata per via, quartiere, ambito, consentendo di orientare in modo scientifico la governance e le politiche sul traffico e la mobilità urbana.

 

Visualizza mappa

 

 

Inoltre in questa sezione c'è il collegamento con il sito di ATB Mobilità, società che gestisce per il Comune la sosta pubblica su strada, sito che presenta una mappa dei parcheggi a pagamento in superficie, con indicazione, per ogni parcheggio, della tariffa massima oraria, dei posti disponibili, degli orari massimi di sosta consentita, dei codici relativi alla "sosta facile". "Sosta facile" è un'applicazione che consente di pagare la tariffa di sosta tramite smartphone e cellulare.

Pagamento dell'imposta di bollo - dichiarazione per presentazione istanza

In bollo: 
No
Telematico: 
Disponibile solo in versione cartacea
Modulo PDF: 

Sulle istanze che prevedono “l’emanazione di un provvedimento amministrativo” deve essere apposta una marca da bollo da 16 €, così come previsto dal Decreto del Presidente della Repubblica 26/10/1972, n. 642 e dall'articolo 7-bis del Decreto Legge 26/04/2013

Ai sensi dell'articolo 3 del Decreto Ministeriale 10/11/2011, per assolvere questo adempimento dovrai acquistare una marca da bollo destinata esclusivamente alla presentazione dell'istanza e comunicare allo Sportello Unico il relativo numero identificativo (seriale), autocertificando inoltre che la marca da bollo in questione non sarà utilizzata per qualsiasi altro adempimento che ne richiede l'apposizione.

Per comunicare i dati della marca da bollo tramite il portale è necessario compilare il modulo "Pagamento dell'imposta di bollo", il quale sarà disponibile una volta compilato il modulo principale richiesto per l'istanza che stai presentando

Sicurezza stradale

Il miglioramento della sicurezza stradale rappresenta una delle finalità primarie della politica dell’Amministrazione comunale in materia di mobilità urbana.

Le misure da adottare in tema di sicurezza stradale hanno come obiettivo la riduzione del numero e delle conseguenze degli incidenti, lo sviluppo di sistemi di analisi delle cause e delle caratteristiche dei sinistri, della loro frequenza in relazione anche alla loro ubicazione, quindi lo studio di soluzioni tecniche ed operative per correggere ed eliminare i fattori di rischio.

Risulta significativo anche diversificare il quadro dell’incidentalità in relazione alle diverse tipologie di utenti della strada: pedoni, ciclisti, motociclisti, automobilisti. Questo quadro nel tempo, messo anche a confronto con la crescita dell’indice di motorizzazione, consente di capire l’evolversi delle dinamiche relative alla sicurezza stradale nelle varie zone della città. I tassi di mortalità e di ferimento (intesi come numero di morti e/o di feriti in un anno rispetto al numero degli abitanti) possono diventare, se regolarmente misurati e presi a riferimento, significativi indicatori del grado di sicurezza delle nostre strade. 

 La Polizia locale, per quanto riguarda il controllo del territorio ed il presidio sulla strada, gli uffici comunali della Mobilità, per quanto riguarda l’analisi e la pianificazione degli atti di regolamentazione del traffico e di messa in sicurezza, gli uffici dei Lavori pubblici, per quanto concerne la manutenzione stradale, lavorano tutti insieme a perseguire l’impegnativo obiettivo comune.

 

 

Incidentalità

L’analisi dell’incidentalità è senza dubbio uno degli strumenti più efficaci per le valutazioni sulla sicurezza delle infrastrutture. L’obiettivo finale che si intende perseguire è quello di giungere, dopo una rigorosa e puntuale analisi di tutti gli elementi che influiscono sulla pericolosità, alla formulazione di proposte ed indirizzi finalizzati all'attuazione di modifiche e correttivi che contribuiscano a far crescere la sicurezza stradale. Grazie alla localizzazione geografica degli incidenti vi è la possibilità di mappare, con più efficacia, i punti ed i tronchi della rete stradale a maggiore rischio e sui quali è necessario intervenire. È tuttavia importante considerare che, nella maggior parte dei casi, gli incidenti stradali sono correlati all’inosservanza di una o più norme di comportamento e, pertanto, il fattore “umano” rappresenta una componente essenziale per una guida sicura.

È opportuno precisare che, sebbene significativo, il dato dei sinistri rilevati non è esaustivo dell’andamento complessivo dell’incidentalità cittadina, poiché sono da escludere tutte quelle situazioni in cui non viene richiesto l’intervento degli organi accertatori. 

Mappe dell'incidentalità

Grazie alla collaborazione tra il Servizio Mobilità e Trasporti, il Comando di Polizia Locale e l'ufficio SIT, è stato possibile realizzare la mappa dell'incidentalità. In questa mappa è possibile visualizzare la posizione degli incidenti stradali occorsi sulla rete stradale cittadina. La mappa è dinamica, in quanto viene aggiornata giornalmente, e interattiva perchè consente di interrogare ogni singolo evento per avere informazioni di dettaglio (numero persone coinvolte, tipologia di veicoli, etc).   

CONSULTA LA MAPPA

Inoltre, sulla base dei dati storici (anni 2002-2014) sono state predisposte alcune tavole che mettono in evidenza, per ogni anno, alcune tipologie di sinistri. 

 

 

 

 

Comunicazione generica

Descrizione dell'attività
Cos'è: 

L'ufficio competente può dialogare con il cittadino in qualunque momento della fase di istruttoria di un'istanza, anche dopo che questa è stata presentata. Può capitare quando la documentazione inviata è incompleta oppure non del tutto comprensibile; nel primo caso perverrà al cittadino una "richiesta di integrazioni", nel secondo una "richiesta di chiarimenti". Il cittadino può allora presentare "Comunicazione generica" allegando la documentazione o i chiarimenti richiesti entro una scadenza fissata dall'ufficio competente. Se non presenterà "Comunicazione generica" l'esito dell'istruttoria sarà negativo. La "Comunicazione generica" può essere presentata in assoluta libertà anche quando il cittadino vuole presentare un'ulteriore comunicazione. Per esempio, un cittadino potrebbe presentare una "Comunicazione generica" allegando un documento che prima non possedeva e che potrebbe essere ritenuto utile per l'istruttoria di una particolare istanza.

Domande e comunicazioni
Documentazione necessaria alla presentazione dell'istanza.
Note: 

 

 Le istanze, denunce, segnalazioni e comunicazioni attinenti i procedimenti edilizi che riguardino azioni di realizzazione, trasformazione, ristrutturazione o riconversione, ampliamento o demolizione aventi ad oggetto l'esercizio di attività produttive/ economiche sono presentate esclusivamente in modalità telematica UTILIZZANDO la FACCINA

 In ogni caso, la presentazione di istanze, dichiarazioni, dati e lo scambio di informazioni e documenti tra le imprese e il Comune di Bergamo avviene esclusivamente in modalità telematica.

Nei casi previsti di presentazione cartacea, da presentarsi in duplice copia, UTILIZZA comunque la FACCINA al fine di generare: la scrivania telematica, il "form conpilabile" ed il conseguente pdf stampabile anche di tutti i moduli accessori.

Annullamento e/o Archiviazione istanza/pratica presentata

Descrizione dell'attività
Cos'è: 

È possibile avanzare una richiesta di annullamento e di archiviazione di un’istanza in qualunque momento della fase di istruttoria. La richiesta deve essere effettuata rispettando la normativa vigente. Quando la richiesta è ricevuta, l'ufficio competente annullerà immediatamente l'istruttoria e archivierà l'istanza. Per l’istruttoria delle istanze che prevedono l'emissione di un provvedimento finale, l'ufficio competente confermerà semplicemente l'avvenuta archiviazione. Una volta che l'istanza è archiviata non sarà più possibile "riattivare" l'istruttoria sospesa. Sarà quindi necessario presentare una nuova istanza, per la quale sarà avviata una nuova istruttoria.  

Domande e comunicazioni
Documentazione necessaria alla presentazione dell'istanza.
Note: 

 Le istanze, denunce, segnalazioni e comunicazioni attinenti i procedimenti edilizi che riguardino azioni di realizzazione, trasformazione, ristrutturazione o riconversione, ampliamento o demolizione aventi ad oggetto l'esercizio di attività produttive/ economiche sono presentate esclusivamente in modalità telematica UTILIZZANDO la FACCINA

 In ogni caso, la presentazione di istanze, dichiarazioni, dati e lo scambio di informazioni e documenti tra le imprese e il Comune di Bergamo avviene esclusivamente in modalità telematica.

Nei casi previsti di presentazione cartacea, da presentarsi in duplice copia, UTILIZZA comunque la FACCINA al fine di generare: la scrivania telematica, il "form conpilabile" ed il conseguente pdf stampabile anche di tutti i moduli accessori.