Serve aiuto?

Avere le agevolazioni fiscali per gli interventi di recupero edilizio (bonus 36%)

Versione stampabile

Per conoscere nel dettaglio le diverse agevolazioni fiscali previste dalla normativa vigente e le modalità per ottenerle, si rimanda al sito ed agli uffici dell'Agenzia delle Entrate.

Qui si riassumono sinteticamente e genericamente le attuali disposizioni (febbraio 2010):

  • si possono detrarre dall'imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) il 36% delle spese sostenute per il recupero di case di abitazione (compreso loro pertinenze) e parti comuni di edifici residenziali, fino ad un massimo di spesa di € 48 mila per anno d'imposta e per ogni unità immobiliare sulla quale vengono eseguiti gli interventi.
  • Gli interventi per i quali spetta lo sconto sono: manutenzione ordinaria (per le sole parti condominiali, con esclusione degli impianti), manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia. Sono escluse pertanto dallo sconto le opere di semplice manutenzione ordinaria interne agli appartamenti (tinteggiatura, sostituzione pavimenti, ecc.) o l'installazione di un impianto di condominio: data comunque la numerosa casistica e le diverse eccezioni, s'invita a verificare con l'Agenzia delle Entrate.
  • Per accedere alle agevolazioni, nei casi indicati, occorre inviare al Centro operativo di Pescara (via Rio Sparto 21, Pescara) tramite raccomandata una comunicazione d'inizio lavori, prima d'iniziare i lavori stessi con allegata documentazione o autocertificazione (per i documenti da produrre visitare il sito dell'Agenzia delle Entrate). Inoltre bisogna premunirsi dei necessari permessi comunali o comunicare D.I.A. a seconda del tipo d'intervento edilizio previsto.