Serve aiuto?

Attività di cantiere in deroga ai limiti acustici - Istanza di Autorizzazione

Versione stampabile
Descrizione dell'istanza
Cos'è: 

Questa istanza deve essere presentata per lo svolgimento di attività di cantiere che non possano rispettare i limiti orari e/o i limiti di intensità di rumore previsti dal regolamento.

Cantieri stradali

I cantieri stradali possono operare tutti i giorni, comprese le domeniche e i festivi, dalle 06:00 alle 22:00 rispettando il limite LAeq di 70 dB(A). Sulle circonvallazioni è possibile proseguire l’attività anche durante l’orario notturno.

Cantieri edili o assimilabili

I cantieri edili o assimilabili possono operare solo nei giorni feriali dalle 07:00 alle 20:00 rispettando il limite LAeq di 70 dB(A).

L'uso di macchinari particolarmente rumorosi (seghe circolari, frese stradali, macchine per movimento terra, betoniere, compressori a scoppio, martelli pneumatici ecc.) è consentito esclusivamente dalle 08:00 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 19:00.

Documentazione richiesta per la presentazione dell'istanza
Modulo principale: 
Modulo In bollo
Attività di cantiere in deroga ai limiti acustici - Istanza di Autorizzazione Presenta la richiesta in modalità telematica Word
Modulo con richiesta di bollo
Allegati obbligatori: 
Info
Copia del documento d'identità del dichiarante e permesso di soggiorno se straniero
Relazione previsionale di impatto acustico
Informazioni sull'istanza
Iter del procedimento: 

L’istanza, in bollo, di autorizzazione in deroga deve essere redatta utilizzando il presente modulo e deve pervenire in modalità esclusivamente telematica con congruo anticipo e comunque non meno di 30 (trenta) giorni prima dell’inizio del cantiere.

Le istanze prodotte in forma diversa da quella descritta al presente comma verranno rigettate

L’autorizzazione di deroga non potrà avere durata superiore all’anno solare.

 

Trenta giorni prima della scadenza dell’autorizzazione, è facoltà del titolare della stessa, richiedere,con motivata istanza, la proroga alle medesime condizioni di esercizio del cantiere in corso. In tal caso l’istanza deve essere corredata dalla dichiarazione asseverata del tecnico competente in acustica che attesti che i lavori da completare sono già contemplati nella Valutazione Previsionale di Impatto Acustico presentata con l’istanza iniziale e che pertanto rispettano il valore limite dell’autorizzazione originaria. In caso contrario dovrà essere presentata una Valutazione Previsionale di Impatto Acustico aggiornata.