Serve aiuto?

Tutela del paesaggio e dell'ambiente

Versione stampabile

La valutazione di impatto ambientale (VIA) è una procedura amministrativa di supporto all'autorità decisionale finalizzata ad individuare, descrivere e valutare gli impatti ambientali prodotti dall'attuazione di un determinato progetto. Nella procedura di VIA la valutazione sulla compatibilità ambientale di un determinato progetto è svolta dalla pubblica amministrazione, che si basa anche sulla partecipazione della gente e dei gruppi sociali: un obiettivo importante delle procedure di VIA infatti è quello di favorire la partecipazione della gente nei processi decisionali sull'approvazione dei progetti.

Con "impatto ambientale" si intende un effetto rilevante causato da un evento, un'azione o un comportamento sullo stato di qualità delle componenti ambientali, inteso sia come ambiente antropizzato, sia come ambiente naturale. Secondo la normativa comunitaria i progetti che possono avere un effetto rilevante sull'ambiente, inteso come ambiente naturale e ambiente antropizzato, devono essere sottoposti a VIA. Nella VIA si cerca quindi di stimare quali sono gli impatti, cioè le modifiche, positive o negative, degli stati ambientali di fatto, indotti dall'attuazione di un determinato progetto.

La VIA nasce alla fine degli anni sessanta del XX secolo negli Stati Uniti con il nome di environmental impact assessment. Viene introdotta in Europa, prima in Francia nel 1976, e poi viene recepita dalla Comunità Europea nel 1985 con la Direttiva 337/85/CEE "Concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati".

 

La valutazione ambientale strategica (VAS) è un processo finalizzato ad integrare considerazioni di natura ambientale nei piani e nei programmi, per migliorare la qualità decisionale complessiva. In particolare l'obiettivo principale della VAS è valutare gli effetti ambientali dei piani o dei programmi, prima della loro approvazione, e poi durante ed al termine del loro periodo di validità. Altro obiettivo della VAS riguarda, come per la VIA, la promozione della partecipazione pubblica nei processi di pianificazione-programmazione.

Le procedure di VAS sono un'evoluzione di quelle relative alla VIA. In linea generale il processo di VAS precede, ma non necessariamente determina, una procedura di VIA. Le due tipologie di valutazione agiscono in due fasi diverse su due oggetti diversi, con finalità complementari: mentre la VAS è una procedura che valuta gli effetti ambientali prodotti da piani o programmi (i determinanti, le pressioni e le risposte ambientali soprattutto), la VIA è una procedura che valuta gli impatti ambientali (cioè le variazioni di stato delle componenti ambientali) causati da progetti od opere.