Serve aiuto?

Carceri di S. Agata (ex Monastero )

Versione stampabile

Monumenti e siti

N° scheda:0201105
Tipo scheda:MONUMENTI
Denominazione:Carceri di S. Agata (ex Monastero )
Epoca:Sec.XVIII
Località:Città Alta
Indirizzo:via Vagine - vicolo Carceri di S.Agata
Confini:
Mappale:Fg:31 Mp:412
Scheda originale:Visualizza scheda

Descrizione del bene

Descrizione:
Proprieta:Demanio statale
Proprietario attuale:
Uso attuale:Carceri di S.Agata (ex Monastero )
Epoca di costruzione:Sec.XIV ambienti a livello di via Boccola
Trasformazioni:Sec.XVII costruzione monastero e chiesa di S.Agata per opera dei padri Teatini.1797 soppressi monastero e chiesa.Sec.XIX primi anni,il complesso è destinato a carcere.

Stato di conservazione del bene

Stato attuale:
Struttura portante:Buono
Parti complementari:Mediocre
Copertura:Buono
Interno:Mediocre
Umidità:Inesistente
Protezione esistente:D.M.4/1/57 PRG 1969 N.A. art.11
Protezione proposta:PPRC

Dati tipologici del bene

Dati tipologici:Complesso di origine monastica formato da tre corpi di diversa ampiezza disposti a C con cortile interno aperto verso ovest. Per il dislivello fra il vicolo delle Carceri e via Vagine (circa m. 14) i corpi di fabbrica hanno differenti altezze. Il corpo a nord profondo circa 14 m. è alto quattro piani. Il corpo a est, profondo circa m. 6, è alto tre piani. Il corpo a sud, profondo m. 21, che ingloba il vano della chiesa è alto tre piani. Copertura a padiglione, ad una e a due falde.
Caratteristiche particolari:Il corpo a nord, su via Vagine, al P.T. ha due porte architravate con contorni semplici in pietra arenaria, ampio arco a tutto sesto, cieco, e finestre quadrate con contorni di pietra rigati da incisioni. Agli altri piani finestre con contorni semplici in pietra arenaria con luce ridotta da parziali tamponamenti. Sul cortile, il prospetto del corpo a nord presenta al P.T. un ordine toscano a pilastri con interposti archi e soprastanti: architravate, fregio e cornice al di sopra dei quali, fino al tetto, lesene ioniche di modesto rilievo per l'altezza di 2 piani su base e piedestallo in arenaria. Negli interposti sette campi finestre a semplicissimi contorni in arenaria. Il corpo ad est ha sul cortile un prospetto composto da lunghe lesene semplici su doppio piano con quadrotti e finestroni sovrapposti a ricchi contorni in pietra arenaria nei sei campi. Al di sopra di un esiguo architrave con gocce di un non mai eseguito fregio, un'altra fascia piena intonacata nella quale si aprono piccole finestre con contorni semplici in arenaria. Il prospetto del corpo a sud, sul cortile è il più squallido, con piccole finestre al P.T.; al 1°P. finestre con sopraluce, in talune tamponato; all'ultimo piano finestre limitate in altezza. Tra le finestre del 1°P e dell'ultimo piano 3 piccole aperture ovali. Sul vicolo delle carceri questo corpo ha un prospetto ottocentesco con due porte architravate sormontate da sopraluce semicircolare ed una finestra ad arco a tutto sesto al P.T.. Al 1°P. finestre con davanzale in aggetto mentre all'ultimo piano le finestre non hanno davanzale. Paramento a bugne piane d'intonaco interrotto da una fascia liscoia orizzontale in corrispondenza del parapetto delle finestre del 1° P.
Contesto interno ed esterno:Affreschi nella volta e nel coro della chiesa. Torre campanaria. Cortile.
Si deve proteggere il contesto interno:SI
Si deve proteggere il contesto esterno:SI
Strutture e materiali:Muratura mista, di pietre e mattoni, in parte a vista e in parte intonacata. Archi e volte di diverso tipo. Solai in legno. Elementi architettonici, contorni aperture e scale in pietra arenaria. Tetto con orditura in legno e manto di coppi. Sporgenza di gronda in parte con intradosso orizzontale e tavole di legno ed in parte inclinato, secondo la falda del tetto con travetti e tavole in legno.
Proposte di restauro:Restauro conservativo.
Utilizzazione proposta:

Bibliografia

Bibliografia:S.Angelini "Relazione restauro monastero di S.Agata" M.L.Berti:"I monasteri di BG", Riv.di BG 1952
Documenti annessi:

Note

Osservazioni:
Redatta da:
Controllata da:Arch.Sandro Angelini 10 Febbraio 1976
Revisionata da: