Serve aiuto?

Casa Migliavacca ora Angelini

Versione stampabile

Monumenti e siti

N° scheda:0201601
Tipo scheda:MONUMENTI
Denominazione:Casa Migliavacca ora Angelini
Epoca:Sec.XIII-XX
Località:Città Alta
Indirizzo:via Arena
Confini:
Mappale:Fg:37 Mp:875
Scheda originale:Visualizza scheda

Descrizione del bene

Descrizione:
Proprieta:Privata
Proprietario attuale:
Uso attuale:Residenza
Epoca di costruzione:Sec.XIII Torre e casa dei Migliavacca su rovine di casa romana del I sec. D.C.
Trasformazioni:Sec.XV trasformazione in ospedale con affrescatura bramantesca della facciata.Sec.XV modificazione delle aperture della facciata. Sec.XVI-XVII-XVIII-XIX varii internenti interni testimoniati dal restauro.Sec.XX primi decenni,trasformazione arch.Barbascio )in casa d'affitto.Restauro nel 1964 con messa in luce di molteplici elementi delle varie vicende dell'edificio.

Stato di conservazione del bene

Stato attuale:
Struttura portante:Buono
Parti complementari:Buono
Copertura:Buono
Interno:Buono
Umidità:Inesistente
Protezione esistente:D.M.4/1/57 PRG 1969 N.A. art.11
Protezione proposta:PPRC

Dati tipologici del bene

Dati tipologici:Casa di civile abitazione a testata di cortina su pianta rettangolare a corpo doppio, risultante dall'aggregazione di Torre medioevale a casa coeva. Altezza quattro piani su via Arena più sottotetto ed altana. Tetto a due falde parzialmente a terrazza.
Caratteristiche particolari:Fronte su strada: appaiono le strutture murarie medioevali della torre, con tracce di aperture, fra cui una bifora al 1° piano, profondamente trasformata dalle aperture del XVII secolo, regolarmente disposte con cappelli e davanzali sagomati. Al pianterreno, nel tessuto murario medioevale, sono stati inseriti tre portaletti in arenaria, uno centrale a tutto centro e due laterali asimmetrici architravati con sopraluce. Nei recenti restauri è stata aperta una porta ad arco ribassato fortemente strombata aiu piedi della torre. Fronte ovest: poche aperture sparse nella muratura della torre e della struttura adiacente. Parete fiancheggiante l'angusta via medioevale della strada che collegava la vicinia di Antescolis con quella di S. Salvatore, sul cammino di ronda delle mura antiche. Fronte sud: finestre variamente disposte con varie dimensioni con inferriate al 1° piano, con due balconi al 3° piano e senza contorni al 4° piano.
Contesto interno ed esterno:Lungo le scale in arenaria sono conservati gli strappi degli affreschi bramanteschi della facciata. Nella cantina, sotto la torre, i resti di casa romana del I° secolo D.C., con varii reperti, i più importanti con le decorazioni pittoriche sono nel civico Museo archeologico. Tracce degli interventi succedutisi nei secoli, sono state messe in luce nei varii ambienti.
Si deve proteggere il contesto interno:SI
Si deve proteggere il contesto esterno:SI
Strutture e materiali:Muratura mista. Aperture con contorni in arenaria. Solai a volte: nei sotterranei, al pianterreno e al primo piano, solai in laterizio armato. Tetto in laterizio armato e manto di coppi. Gronda in legno. Mensole e lucernari, a travetti sul fronte interno. Scala in cemento armato con rivestimento in marmo e scala in arenaria.
Proposte di restauro:Restauro conservativo a seconda del grado di protezione.
Utilizzazione proposta:L'attuale

Bibliografia

Bibliografia:G.C.Bascapè - C.Perogalli Palazzi privati di Lombardia e Milano"1964.Franco Mazzini "Problemi pittorici bramanteschi Bollettino d'arte ott/dic.1964
Documenti annessi:V.scheda n.0201602

Note

Osservazioni:In facciata lapide: In questa casa Gaetano Donizetti frequentò dal 1806 al 1815 le lezioni caritatevoli di Simone Mayr che ne indovinò il genio e ne predisse la gloria.
Redatta da:
Controllata da:Arch.Sandro Angelini 9 Maggio 1978
Revisionata da: