Serve aiuto?

Obbligo di comunicazione dei prezzi dei carburanti

Versione stampabile

Il Ministero dello Sviluppo economico ha diramato la seguente nota:

L’art. 51 della legge 99/2009 stabilisce l’obbligo per i gestori degli impianti di distribuzione dei carburanti per autotrazione di comunicare i prezzi praticati al Ministero a fini di pubblicazione. Il Ministero ha avviato la raccolta dei prezzi e la loro pubblicazione on-line tramite un’apposita piattaforma web la cui consultazione consente di conoscere in tempo reale i prezzi praticati presso i punti vendita sul territorio nazionale con il conseguente beneficio di una maggiore trasparenza del mercato e per i consumatori di poter scegliere il punto vendita preferito.
La norma stabilisce altresì (art. 51 comma 3) che in caso di omissione della comunicazione del prezzo o di comunicazione di un prezzo inferiore a quello praticato si applicano le sanzioni previste dall’art. 22 comma 3 del d.lgs. 114/98. Quest’ultimo decreto legislativo, come noto, attribuisce ai Sindaci (art. 22 comma 7) la competenza per quel che riguarda l’accertamento della violazione e l’applicazione della sanzione, nonché l’incasso dei proventi derivanti dai pagamenti in misura ridotta ovvero da ordinanze ingiunzioni di pagamento.
La successiva normativa attuativa dell’art. 51 L. 99/2009 (DM 15 ottobre 2010 e DM 17 gennaio 2013, pubblicato nella GU del 15 marzo 2013, N. 63) ha definito le modalità operative per l’attuazione di questo obbligo che è ormai in vigore dal 16 settembre 2013 per tutti gli impianti situati sull’intero territorio nazionale. L’applicativo web per la consultazione e la comunicazione dei prezzi, c.d.
“Osservaprezzi carburanti” è accessibile al seguente indirizzo: https://carburanti.mise.gov.it/OssPrezzi
Ad oggi sono registrati circa 19.000 impianti (che dipendono da più di 14.000 imprese), ma come è  noto, il numero degli impianti del nostro Paese si aggira tra i 23 e i 24.000 e si verifica ancora una parziale evasione dell’obbligo, nonostante l’informazione diramata da questo Ministero tramite molteplici canali.