Serve aiuto?

Sostegno alle attività commerciali

Versione stampabile

Sostegno al commercio cittadino attraverso i "Confidi" 

Il Comune di Bergamo stanzia per l'anno 2017 100mila euro per sostenere concretamente le imprese commerciali di quartiere e di vicinato: verrà sottoscritta con i Confidi bergamaschi una convenzione attraverso la quale il Comune di Bergamo contribuirà con un massimo del 70% (e con un tetto massimo di 2000 euro) dei costi sostenuti dalle imprese per le spese istruttorie (al netto delle spese associative) applicate dai Confidi per il rilascio delle garanzie.

Confidi sta a significare “Consorzio di garanzia collettiva dei fidi” e  offre garanzie per agevolare le imprese nell'accesso ai finanziamenti, a breve medio e lungo termine, destinati alle attività economiche e produttive. 

Non sono state individuate particolari o specifiche aree geografiche, proprio per dare un segnale incoraggiante a tutto il mondo del commercio cittadino: l’Amministrazione è vicina a chi vuole aprire, migliorare, rilanciare la propria attività commerciale.

Ne risulta, vista la scelta del Comune di Bergamo di stabilire un tetto di 2000 euro per ogni finanziamento, che potranno essere finanziate almeno 50 richieste.

Confidi rendiconterà ogni sei mesi al Comune i costi fideiussori e tutte le caratteristiche degli accordi, in modo che l’Amministrazione comunale possa conoscere quali caratteristiche e finalità hanno i progetti sostenuti attraverso il bando.

____________________________________________________________________________________________________

Dalla seconda metà del 2015 e sino a metà 2016, l'Amministrazione comunale ha partecipato ad un progetto regionale denominato:

"Fare impresa in franchising": progetto pilota per la rigenerazione commerciale nei centri urbani 

che si proponeva di sostenere l'apertura di nuove attività commerciali con la formula del franchising. I dettagli del progetto - che prevedeva l'erogazione di contributi a coloro che avessero aperto nuove attività (franchisee)  -  e lo stato di avanzamento possono essere consultati al seguente indirizzo di Regione Lombardia 

Sul sito di Unioncamere Lombardia era stata attivata la piattaforma informatica  per la raccolta delle candidature dei potenziali franchisee. La piattaforma ha consentito al franchisee di scegliere il franchisor di interesse, al quale sono stati  automaticamente abbinati  i  Comuni di riferimento.

I proprietari immobiliari che intendevano comunicare la disponibilità alla locazione degli spazi commerciali di loro proprietà hanno provveduto a compilare una scheda, con i dati degli immbili, che è stata trasmessa a Regione Lombardia per i successivi adempimenti.

 ___________________________________________________________________________________________________

Contributi per l'apertura di attività commerciali in aree urbane da
rivitalizzare

Nell’ambito delle iniziative promosse dall’Amministrazione volte a riqualificare gli spazi urbani, il Comune di Bergamo ha inteso selezionare e, quindi, finanziare progetti a sostegno della costituzione di nuove attività commerciali e artigianali in aree urbane in cui le stesse risultassero carenti e in cui fossero mancanti alcune tipologie di offerte commerciali.

Sono stati, pertanto,  indetti nel corso degli anni  2012, 2013 e 2014, cinque bandi di selezione per l’individuazione di soggetti a cui concedere contributi economici a sostegno della costituzione di nuove attività commerciali ed artigianali nelle seguenti vie della città: Bonomelli, Broseta, Locatelli, Moroni, Paglia, Pignolo, Quarenghi, S. Bernardino, S. Giovanni, Verdi, Zelasco e nei quartieri di  Grumello del Piano, Villaggio degli Sposi, Longuelo e Celadina.

Con tali bandi sono state finanziate tredici nuove attività': in via Pignolo, San Bernardino, Celadina, Masone, Paglia e nel quartiere del Villaggio degli Sposi.